sabato 14 aprile 2012

Cascà


Ho sempre pensato che il cuscus fosse, in Italia, unicamente un piatto di tradizione siciliana. Andando a caccia di nuove ricette da sperimentare, ho scoperto che anche nella Sardegna meridionale si usa preparare il cuscus, in questo caso chiamato CASCA'. 
Il cascà tabarchino è un cibo di derivazione araba, tipico dell'isola di S. Pietro, in Sardegna, importato nel 1700 in seguito alla colonizzazione sarda dell'isola di Tabarka, in Tunisia. Esso, a differenza del cuscus trapanese che si presenta come piatto a base di pesce, è preparato con diversi tipi di verdure. Qualche ricetta, come da me sperimentato, consiglia anche l'aggiunta di carne di maiale. 
Mi perdonino le nonne sarde per eventuali inesattezze nella preparazione del cascà!







Ingredienti per 5 persone:


  • 500g CUSCUS
  • 500g CARNE DI MAIALE
  • 150g CECI
  • 150g PISELLI
  • 1/2 CAVOLO VERZA
  • 2 GROSSE CAROTE
  • 1 FINOCCHIO
  • 1 MELANZANA
  • 1 ZUCCHINA
  • 1 CIPOLLA
  • SEMI DI FINOCCHIO
  • 1 CUCCHIAINO DI SPEZIE IN POLVERE (CANNELLA, CORIANDOLO,NOCE MOSCATA)
  • 1 CHIODO DI GAROFANO
  • BRODO VEGETALE
  • OLIO EVO
  • SALE Q.B.
Preparate 2 litri di brodo vegetale, portate a bollore con un filo di olio e il giusto sale. Spegnete il fuoco, aggiungete il cuscus mescolando di continuo per evitare la formazione di grumi. Lasciate gonfiare la semola.

Preparate più tegami: friggete le melanzane e le zucchine in poco olio; a parte, lasciate cuocere i ceci ed i piselli con mezza cipolla e poca acqua; in un'ultima pentola, soffriggete la cipolla a fettine, unite la verza a strisce, le carote e le verdure rimaste tagliate grossolanamente, aggiungete la carne a pezzi, le spezie e brodo q.b. per completare la cottura. Salate a piacere.

Infine, mescolate il cuscus con i vari condimenti e servite.





Nessun commento:

Posta un commento