domenica 7 ottobre 2012

Panini al rosmarino


Preparare il pane in casa non è difficile come si immagina, ma richiede del tempo libero e molta pazienza. Tempo e pazienza ripagati appieno dalla soddisfazione di portare in tavola delle pagnotte calde, appena sfornate da voi stessi!
Poiché a me non piace sentire il sapore del lievito nel pane fatto in casa (così come nella pizza), realizzo un preimpasto la sera prima, che mi permette di ridurre la quantità di lievito da utilizzare. Se non avete la possibilità di preparare questo preimpasto (detto poolish), lavorate il pane con l’intero cubetto di lievito.

Ingredienti per 4 panini da 200g circa:

- 600g farina di semola rimacinata di grano duro "il Molino Chiavazza";
- 5g  lievito di birra fresco (quello in panetti da 25g);
- acqua a temperatura ambiente;
- sale e rosmarino.

1) Preparate il poolish (preimpasto semiliquido): raccogliete 300g di farina in una ciotola con 5 g di lievito di birra e 300g di acqua (circa 3 bicchieri); mescolate con la frusta, sino ad ottenere una pastella cremosa; infine coprite con la pellicola trasparente e mettete in frigo per una notte. La pastella raddoppierà il proprio volume.
2) Pronto il preimpasto, unite i restanti 300 g di farina, 1 cucchiaio da tavola di sale e le foglie di rosmarino. Lavorate gli ingredienti sulla spianatoia, senza aggiungere altra acqua o farina, tirando l’impasto e arrotolandolo continuamente con energia. Copritelo l’impasto con un panno e lasciatelo raddoppiare di volume (servirà 1 ora circa).
3) Trascorsa l’ora per la seconda lievitazione, ricavate dalla pasta i quattro panini, cui potete dare la forma che desiderate. Ponete i panini sulla placca da forno, rivestita di carta antiaderente, e lasciateli riposare ancora 30 minuti.
4) Accendete il forno a 200° e cuocete i panini per 20 minuti, e comunque fino a che la crosta esterna sarà dorata. Per ottenere un pane più morbido, vi consiglio di porre in forno, una scodella con del ghiaccio. Il vapore che viene a crearsi manterrà l’ambiente sufficientemente umido.

Nessun commento:

Posta un commento